Mina Carolina è un membro del 104° Corpo di Addestramento Reclute. Prende parte alla battaglia nel Distretto di Trost e viene assegnata alla Squadra 34.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Mina è una ragazza snella e di bassa statura. Ha i capelli neri e lunghi, che raccoglie in due trecce sciolte sulle spalle. Viene sempre vista utilizzare l'uniforme militare standard dell'Esercito.

Personalità[modifica | modifica sorgente]

Mina è una ragazza allegra e molto socievole con gli altri. È molto speranzosa nella vittoria degli esseri umani contro i Giganti, infatti decide di mangiare la carne di Sasha assieme a lei quando i mostri verranno sconfitti.[4] Nonostante la paura per i Giganti, Mina da una grande prova di coraggio quando si scaglia contro di loro per seguire il suo compagno di squadra Eren Jaeger.[5]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Durante i primi giorni di Addestramento, Mina ascolta in mensa i racconti di Eren Jaeger riguardo la caduta del Distretto di Shiganshina e del Wall Maria.[6] Si diploma al corpo di Addestramento e viene mandata assieme ai suoi compagni sul Wall Rose per la manutenzione dei cannoni, al Distretto di Trost. Sasha mette da parte della carne per festeggiare il momento in cui l'umanità riuscirà a recuperare il Wall Maria, e Mina e gli altri affermano a gran voce di volersi unire alla mangiata quando avranno vinto.[7]

Mina e la Squadra 34 vanno a combattere i Giganti

D'improvviso, il Gigante Colossale che aveva distrutto il Wall Maria 5 anni prima ricompare e, con un calcio, abbatto il cancello del Distretto di Trost. Mina e la squadra vengono scaraventati giù dalla muraglia per merito del potente getto di vapore emanato dal Gigante. La ragazza resta comunque paralizzata dalla paura e non riesce a risalire il muro per seguire Eren che, nel frattempo, si è scagliato contro il Gigante.[8]

Dopo l'apertura della breccia, Mina viene assegnata alla Squadra 34 assieme a Eren Jaeger, Armin Arlert, Nack Diaz, Millius Zermuski e Thomas Wagner. La squadra si fa coraggio e aprono una sfida che vedrà vincitore colui che riuscirà ad uccidere più Giganti e Mina afferma che si impegnerà, sia per vincere la sfida, sia per arruolarsi nell'Armata Ricognitiva, desiderio condiviso con i suoi compagni.[9]

La Morte di Mina Carolina

Mentre la squadra avanza, Thomas viene improvvisamente mangiato da un Gigante che compie un balzo verso di lui. Eren viene preso dalla rabbia e dal rancore e si lancia a tutta velocità contro il mostro e Mina e gli altri lo seguono. Durante il breve scatto, il Dispositivo di Manovra Tridimensionale di Mina viene danneggiato da un Gigante e la ragazza cade rovinosamente a terra da una grande altezza. Mina è stordita dalla caduta e vede un Gigante che la sta osservando ma non riesce a reagire per via del dolore. Il Gigante la cattura e le mangia la testa, mentre gli altri Giganti mutilano Eren e uccidono Nack e Millius.[10]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel Secondo Sondaggio di Popolarità dei Personaggi, Mina si classifica al 41° posto, assieme a Keith Shadis.
  • Durante l'Addestramento, Mina si è vista più di una volta seduta in mensa con Annie Leonhart. Si presume che le due fossero amiche.
  • Lo stesso Gigante che ha ucciso Mina, attenta alla vita di Sasha nel Capitolo 9. La situazione verrà salvata da Mikasa, la quale ucciderà il Gigante.[11]

Riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  1. L'Attacco dei Giganti: Encyclopedia
  2. L'Attacco dei Giganti: Encyclopedia
  3. L'Attacco dei Giganti: Encyclopedia
  4. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo 3  (p. 30)
  5. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo 4  (p. 35)
  6. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo 15  (p. 20)
  7. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo 3  (p. 26-30)
  8. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo 3  (p. 32-43)
  9. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo 4  (p. 26-27)
  10. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo 4  (p. 28-37)
  11. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo 9  (p. 16-17)

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.