FANDOM


“Non riesco a crederci... Questa è la prima volta nella storia dell'Umanità che succede qualcosa del genere. Ho comunicato con un Gigante.”

— Ilse annota sul suo taccuino ciò che gli sta accadendo[4]

Ilse Langnar è un membro dell'Armata Ricognitiva. Ha preso parte alla 34° spedizione all'esterno delle Mura, rimanendo l'unico soldato vivo della sua squadra. Ilse è il primo essere umano che riesce ad interagire con un Gigante in grado di parlare, documentando il fatto su un taccuino che verrà studiato successivamente da Hange Zoe.

Aspetto Modifica

Ilse è di aspetto molto simile ad Ymir. Ha i capelli corti e neri che cadono sul lato destro del volto, degli occhi color oro e le lentiggini su entrambe le guance. Viene vista indossare la tipica uniforme militare con il mantello dell'Armata Ricognitiva.

Personalità Modifica

Ilse è una persona molto emotiva, che si dimostra estremamente coraggiosa durante la missione a cui prende parte. È un soldato molto devoto al nome dell'Armata Ricognitiva e ai suoi ideali, e possiede una buona intelligenza tattica. Tiene molto alla sua famiglia e si dispera per non esser stata in grado di restituire nulla ai genitori durante la sua vita. Sebbene Ilse abbia guadagnato il tempo necessario per scrivere la sua conversazione con il Gigante, alla fine perde la pazienza e scaglia tutta la rabbia repressa che prova verso le creature sul Gigante parlante, per poi scappare in preda al panico quando il mostro comincia a muoversi.

Storia Modifica

Ilse Langnar nasce il 6 Giugno 830. Dopo il diploma al Corpo di Addestramento decide di prestare servizio nell'Armata Ricognitiva. Ilse prende parte alla 34° Spedizione all'esterno delle Mura, venendo inserita nella seconda brigata dell'ala sinistra della formazione. Poco dopo l'uscita dalle Mura, nei pressi di una foresta vicina al Wall Maria, un'orda di Giganti attacca la squadra di Ilse e lei rimane l'unica sopravvissuta. Presa dal panico per la perdita dei compagni, Ilse stacca il suo Dispositivo di Manovra Tridimensionale, che si era precedentemente guastato, e si incammina correndo verso nord, in modo da riuscire a tornare al Wall Rose. Nonostante la situazione, Ilse mantiene la lucidità, e inizia a documentare su un taccuino ciò che le sta accadendo, descrivendo specificatamente tutti gli avvistamenti di Giganti, i suoi movimenti, i suoi stati d'animo e la distanza mancante dalla civiltà, in modo da permettere a chi recupererà il quadernino di ricostruire i suoi ultimi giorni di vita. Ilse si rende conto di non aver possibilità di tornare viva a casa, ma comunque decide di non cedere alla paura e allo sconforto e di proseguire per quanto le sarà possibile.[5]

Ilse incontra il Gigante Parlante

Ilse viene intrappolata dal Gigante

Dopo alcuni giorni di camminata, Ilse si avvicina ad una foresta nei pressi del Wall Rose quando si imbatte improvvisamente in un Gigante. Lei si blocca e il mostro la intrappola addosso ad un albero. Ilse piange e si dispera, mentre scrive i suoi ultimi pensieri sul taccuino attendendo che il mostro la uccida ma, nota qualcosa di strano: il Gigante la sta fissando intensamente, senza muoversi o avere qualche reazione. Ilse pensa si tratti di un Anomalo e lo classifica come un classe 6 metri. Ad un tratto, il Gigante comincia a parlare e si inchina ad Ilse pronunciando "Popolo di Ymir", "Venerabile Ymir" e "La Ringrazio".[6]

Ilse rimane senza parole di fronte ad una scena che lei vede come mai accaduta nella storia dell'umanità: davanti a così tanta surrealità, lei si ricompone e tenta di interagire con il Gigante cercando di porgli alcune domande, scrivendo tutto sul taccuino. Il mostro non risponde e si copre gli occhi con le mani emettendo degli strani grugniti. Ilse perde la pazienza e comincia ad urlare contro il Gigante parlante, accusando lui e la sua specie di essere gli artefici dello sterminio della razza umana. Il Gigante emette dei rumori sempre più assordanti e, quando alza il volto, Ilse nota che non se lo sta coprendo con le mani, ma se lo sta mutilando. In preda al panico, la ragazza scappa urlando ma viene catturata dal mostro che fa un bazo in avanti. I suoi tentativi di liberarsi sono vani e muore quando il Gigante la decapita con un morso. Il suo taccuino cade per terra, nella foresta.[7]

Morte di Ilse Langnar

Morte di Ilse Langnar

Un anno dopo, il taccuino di Ilse viene ritrovato dai membri dell'Armata Ricognitiva Hange Zoe e Levi Ackerman. Il contenuto di esso servirà ai soldati per approfondire lo studio dei Giganti.[8] Hange, mostrandolo al Comandante Erwin, riuscirà a convincerlo a promuovere la cattura di Giganti per lo studio scientifico degli stessi.


Abilità Modifica

Statistiche di Ilse Langnar[9]

 Tecniche 
6/10
 Capacità d'azione 
7/10
 Intelligenza 
6/10
 Capacità di collaborazione 
7/10
 Esplorazione 
10/10

Riferimenti Modifica

  1. L'Attacco dei Giganti Inside: Attacco ai Giganti (p. 64)
  2. L'Attacco dei Giganti Inside: Attacco ai Giganti (p. 64)
  3. L'Attacco dei Giganti: Encyclopedia
  4. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo Speciale 2  (p. 12)
  5. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo Speciale 2  (p. 1-5)
  6. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo Speciale 2  (p. 6-12)
  7. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo Speciale 2  (p. 12-17)
  8. Manga de L'Attacco dei Giganti: Capitolo Speciale 2  (p. 18)
  9. L'Attacco dei Giganti Inside: Attacco ai Giganti (p. 64)

Navigazione Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.